I consumatori cinesi minacciano di boicottare Nike e Adidas

Aziende statunitensi come Nike e Adidas sono venute sotto attacco da parte dei loro consumatori in Cina per la loro posizione sul trattamento del paese dei suoi lavoratori nello Xinjiang. Le tensioni tra gli Stati Uniti e la Cina sono aumentate, e le aziende vengono trascinate nella frattura tra i due paesi.

Il governo cinese ha rilasciato una dichiarazione questa settimana che prende di mira i marchi stranieri. La dichiarazione invita i marchi stranieri a smettere di offuscare l'immagine della Cina al mondo esterno. Molti utenti cinesi dei social media stanno attualmente trollando i marchi sulle applicazioni dei social media sanzionati dallo stato cinese. H&M è un'altra azienda straniera che è stata colpita.

I consumatori cinesi minacciano di smettere di comprare prodotti Nike e Adidas

Molti clienti cinesi hanno detto sui social media che avrebbero smesso di comprare i prodotti di Mike's e invece comprerebbero da aziende locali come Li Ning. Anche le azioni di Nike e Adidas sono scese, mentre quelle di Li Ning hanno raddoppiato il loro valore. H&M è stata anche portata in tribunale per un commento fatto nel 2020 sulle condizioni di lavoro nello Xinjiang.

Nike, Adidas e H&M hanno dichiarato in precedenza di non utilizzare il cotone spedito dalla Cina a causa delle condizioni di lavoro e delle accuse di lavoro forzato in quel paese.

Il ministero degli Esteri cinese ha negato le accuse di maltrattamento dei lavoratori.

In una conferenza stampa, una portavoce del ministero degli Esteri cinese ha negato le affermazioni che i lavoratori dello Xinjiang lavoravano in condizioni sfavorevoli. Per dimostrare il suo punto, ha mostrato foto di ex schiavi americani che raccolgono il cotone negli Stati Uniti. Ha continuato dicendo che gli Stati Uniti una volta costringevano i neri a raccogliere il cotone nelle fattorie, mentre il governo cinese raccoglie il 45% del cotone nello Xinjiang usando delle macchine.

Le aziende straniere sono attualmente combattute tra l'opporsi alla Cina o salvare i loro clienti in Cina. Secondo un membro della Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione degli uiguri, le aziende e i marchi stranieri dovrebbero essere fermi nella loro decisione di denunciare l'abuso dei lavoratori. Salute