dedicato a tutte le spose che cercano ispirazioni per un matrimonio semplicemente perfetto

matrimonio, matrimonio in italia, matrimonio in umbria, umbria wedding, italian wedding, wedding in italy

biscotti al mandarino


Il mandarino è un'agrume con un profumo leggero, asprigno e intenso che fa pensare a un giardino fiorito. Il suo gusto è molto gradevole, fresco, talvolta dolcissimo. Stiamo a fine stagione ma quelli che ancora riuscite a trovare sono saporitissimi; provateli in questa veste dolcissima...

Ingredienti e dosi
  • Burro 150g ammorbidito 
  • Uovo 1
  • Scorza d'Arancia 
  • Mandorle tritate 200g  
  • Zucchero 100g 
  • Farina 200g 
  • Arancia il succo appena spremuto 
  • Mandarini 5  
  • Zucchero a velo per guarnire
  1. Lavate i mandarini accuratamente sotto l'acqua calda e asciugateli con un asciugamano. Tagliateli a fette molto sottili e tamponateli con un tovagliolo di carta assorbente da entrambi i lati.
  2. In una ciotola, utilizzando le fruste elettriche, montate il burro ammorbidito con l'uovo fino a farlo diventare chiaro e spumoso.
  3. Aggiungete le mandorle tritate, lo zucchero, la farina, il succo e la scorza d'arancia fino a quando l'impasto non raggiunge una giusta consistenza. Dividete la pasta in due rotoli, di circa 1 cm ciascuno di spessore, e lasciatele in frigorifero per almeno 3 ore.
  4. Scaldate il forno a 180°.
  5. Tirate fuori le strisce dal frigo. Con un bicchiere di un diametro leggermente superiore alla fetta di mandarino, tagliate dei dischi. Sistemate i dischi su una teglia. Al centro dei dischi mettete le fette e ripiegate leggermente i bordi della pasta all'interno. Le fette dovranno restare perfettamente inglobate nella pasta.
  6. Cospargete con lo zucchero e cuocete per 14-15 minuti. Se preferite caramellate la superficie dei biscotti, spolverizzate con un po' più di zucchero e posizionate la teglia sotto il grill per pochi minuti.
  7. Lasciate freddare i biscotti e poi aggiungete lo zucchero a velo passato al setaccio.
Ricetta e foto di seasons and suppers

Nessun commento:

Posta un commento