dedicato a tutte le spose che cercano ispirazioni per un matrimonio semplicemente perfetto

matrimonio, matrimonio in italia, matrimonio in umbria, umbria wedding, italian wedding, wedding in italy

umbria travel

"In Umbria, che taluni definiscono la Toscana dei poveri, in realtà si può vivere come dei re. Perchè nel cuore dell'Italia troverete La Dolce Vita in stile country. Qui seduti intorno ad un tavolo, mangiando pasta al tartufo accompagnata dal Sagrantino ben invecchiato, vi deliziate per la metà del prezzo che a Firenze. In questa regione che ha dato i natali a San Francesco d'Assisi, scoprirete come raggiungere il paradiso; al ristorante Cerreto a Torgiano potete gustare i cerretini fatti a mano con la farina di orzo e di grano, praticamente i cugini delle fettuccine e deliziarvi con il "rubino" di Montefalco. Poco distante da li, alla fine di una strada privata fiancheggiata da filari di viti e cipressi arriverete nella tenuta di Arnaldo Caprai: la patria del Sagrantino. Spostandosi verso nord c'è Castelluccio di Norcia, un incantato paese collinare. Qui il paesaggio improvvisamente passa da vigneti pittoreschi ad una vista che sembrano le pianure del Montana. Fiori selvatici fioriscono nella vallata e accendendo il panorama con un colore forte che si estende a perdita d'occhio. In autunno lo scenario cambia come un camaleonte, diventando una coltre monocromatica di velluto verde. Se pensate questa è la Toscana dei poveri!!! ...lasciatelo credere a chi pensa di deriderla..."


"...This is no ordinary olive farm, and Umbria — a region in Italy’s heartland — is no ordinary place. My little band of agriculturally challenged cohorts and I have come to this estate for a literal taste of “agriturismo,” or farm tourism, in a part of Italy that some derisively dub the poor man’s Tuscany. And let them keep calling it that. In the meantime, they’ll find me enjoying La Dolce Vita country-style at the dining table of an Umbrian vineyard, eating white truffle pasta washed down with a nicely aged Arnaldo Caprai Sagrantino for half the price of the same in Florence. Or perhaps, as they and a million of their closest friends take in the Uffizi Palace, I’ll be grazing at the chocolate festival in the Umbrian capital of Perugia, sampling a steaming brew of bitter mocha and fig with a side order of pistachio fudge..."full article on washington post