dedicato a tutte le spose che cercano ispirazioni per un matrimonio semplicemente perfetto

matrimonio, matrimonio in italia, matrimonio in umbria, umbria wedding, italian wedding, wedding in italy

il regalo della primavera: la viola del pensiero

La viola del pensiero è un piccolo fiore che troviamo dipinto già in epoche molto antiche come corona sul capo di Afrodite e delle Muse. Gli inglesi sin dal medioevo ebbero una particolare predilezione per questo fiore a tal punto che i cavalieri della Tavola Rotonda usavano il numero dei petali e la predisposizione dei suoi raggi per conoscere il loro destino: lo stesso Shakespeare nella famosa opera "Sogno di una notte di mezza estate" utilizza la viola come chiave di tutta la commedia.In Francia la chiamano pansèe e la storia ci tramanda che  Josephine Beauharnais quando incontò per la prima volta Napoleone Bonaparte gli donò un mazzolino di viole mammole che teneva appuntato sul suo vestito. L’imperatrice adorava talmente tanto questi fiori che li fece ricamare sul suo abito da sposa e ne riempì i suoi giardini. Pensate che Napoleone circondato da così tante viole utilizzò questo fiore nei messaggi in codice con la sua amante Maria Walewska!!! Quando Napoleone poi parti in esilio per l’isola d’Elba, promise di tornare a Parigi "alla stagione delle viole" ed i bonapartisti ne fecero il loro simbolo. E nel nostro paese??? In realta le viole non hanno solo poteri strabilianti: a Sulmona l'azienda Dicarlo produce deliziosi confetti con il cuore di gelatina di viole e a Parma dal 1870 la ditta Borsari è sinonimo del profumo alla violetta famoso nel mondo.

Nessun commento:

Posta un commento